Posts Tagged ‘problemi’

Recuperare file da cd e dvd danneggiati e illeggibili

Sembra un’ operazione impossibile, ma con l’ utilizzo di specifici strumenti potremo recuperare il contenuto di cd e dvd ormai illeggibili da parte dei normali lettori. Ovviamente, le condizioni non devono essere estremamente critiche, in questo caso purtroppo il contenuto è andato per sempre.

CD e DVD sono dischi che, col tempo, si rovinano, si graffiano, si sporcano e diventano cosi illeggibili. Fino a qualche anno c’era un programma gratis che funzionava molto bene per recuperare video e dati dai DVD o CD illeggibili: ISOBuster, divenuto però a pagamento.

Il programma gratuito più simile ad ISO Buster è ISO Puzzle, un semplicissimo tool capace di creare l’immagine ISO con dentro video e dati del CD o DVD rovinato, che funzona anche con film in DVD. Altri tool gratuiti che si basano sullo stesso funzionamento di quello sopra indicati sono DataminerDVD Disaster.

Se invece cerchiamo qualcosa di più specifico, per video AVI, MP4, MKV o DIVX o musica MP3 su un CD o DVD possiamo provare Get My Back Video che tenta di ripristinare i contenuti multimediali trovati su CD, DVD e altri dischi ottici, non creando una copia ISO del cd ma tenta l’ estrazione di uno specifico video o musica.

Il miglior programma di recupero file, gratuito che si può trovare oggi è Recovery Toolbox, uno strumento che recupera file danneggiati di qualsiasi tipo su CD, DVD, HD DVD e dischi Blu-Ray.
CD Recovery Toolbox riesce a ritrovare quei file che sono stati persi a causa di un danno fisico al disco (graffi, patatine, e così via) o come conseguenza di una cattiva o imprecisa registrazione e masterizzazione.
Il programma esegue la scansione del disco rovinato e mostra un elenco di file e cartelle recuperabili.

Fonte: http://www.navigaweb.net

GeoHot chiede aiuto ai suoi fan in un nuovo blog!

Ho bisogno del tuo aiuto. Questa è la prima volta che lo chiedo. Per favore, supporta questa causa, aiutami e diffondi la notizia. Vorrei, prima che il processo abbia inizio, avere a disposizione i migliori avvocati in questa materia per fronteggiare Sony. Insieme possiamo migliorare il sistema.” Sono queste la parole che Geohot ha lasciato sul suo blog.

Un aiuto economico per le spese legali nella dura lotta contro Sony. Nonostante, il Library of Congress Copyright Office ha stabilito che il JB degli smartphone è legale, la Sony non ci pensa minimamente a mollare e la lotta legale richiede numerosi fondi, visto che si sta combattendo contro un colosso. Aver effettuato il Jailbreak della PS3 è dannoso per la Sony, che spera di risolvere questa faccenda.

L’EFF ha affermato “Le ragioni di Sony sono rilevanti non solo per i giocatori e ricercatori. Francamente, non è quello che ci aspettavamo da un’azienda che si preoccupa dei suoi clienti, e scommettiamo che tutto ciò non è neanche quello che i clienti si aspettano.”

Hotspot gratuiti in Italia: facciamo il punto della situazione sulle reti wifi!

Nonostante il 1 Gennaio, giorno ufficiale della liberalizzazione del segnale wifi in seguito all’ annullamente del decreto Pisanu, sia abbstanza lontano, in Italia, tranne casi particolari come Firenze o Roma, non si è mosso quasi nulla sulla questione della creazione di Hotspot gratuiti. In altri paesi, la creazione di reti wifi diffuse in tutte le città rappresenta un fondamentale obiettivo da raggiungere, come ad esempio in Cina.

Di certo, nessuno si aspettava grandi passi avanti da un paese come il nostro, ma almeno la nascita di qualche iniziativa in più, come ad esempio quella di Wired, di certo non avrebbe fatto male.

Questa situazione diventa ancora più cupa in seguito alle dichiarazioni di Stefano Parisi, il presidente di Assotelecomunicazioni-Asste che definisce ingiusto nei confronti dei privati espandere il Wi-Fi a costo 0 nelle città Italiane, azione che potrebbe creare nel suo immaginario, una sorta di antagonismo fra enti privati e pubblici, finanziata con i soldi dello stato.

“Se vogliamo le NGN in Italia è del tutto fuorviante e irrealistico continuare a propagandare Internet gratis per le città italiane. Si tratta di un tema molto delicato su cui la politica deve fare chiarezza, perché “Internet gratis” offerto da Province e da Comuni vuol dire fare concorrenza sleale con i soldi pubblici, statalizzare uno degli interventi di natura più decisamente privata, che è appunto l’investimento nelle reti di nuova generazione. Questo è puro populismo che va superato.”

Bhè che altro dire, come al solito, rimarremo indietro…mi rendo conto dei costi, degli interessi in gioco, ma una buona volta potrebbero essere messi da parte per il bene del nostro paese, ma forse chiedo troppo.

Twitter sospende i client con supporto Ubermedia

Twitter ha recentemente sospeso tutti i client Twitter supportati da Ubermedia. Tra i clienti sono sospesi abbiamo anche TweetDeck ed Echofon per iOS.

La sospensione sarebbe avvenuta per alcuni problemi di privacy e per i proventi che tali client avrebbero intascato senza autorizzazione di Twitter.

Se avete quindi difficoltà ad usare i client Twitter supportati da Ubermedia allora non dovete far altro che aspettare che la situazione si risolva, come promesso dai rispettivi sviluppatori.

Fonte: http://www.iphoneitalia.com

Eliminare effetto popup delle foto su Facebook per sfogliarle alla vecchia maniera

Tra le varie modifiche, tra quelle gradite e meno gradite, Facebook ha cambiato il modo di visualizzare le foto, mostrandole in un popup grande su sfondo nero con due pulsanti laterali per sfogliarle. Si tratta di un semplice effetto chiamato Lightbox, presente in parecchi altri siti internet e blog, per cui, cliccando sulla foto, essa viene ingrandita senza ricaricare la pagina.
Cambiamenti anche nell’interfaccia: pulsanti in basso a destra per ruotare l’immagine, per commentare o per taggarla e la X in alto a destra per chiudere il popup.Inoltre, è stato aggiunto il tasto per scaricare la foto sul computer

Ma, onestamente, a me questo nuovo modo di visualizzare le foto su Facebook non piace e ho trovato un modo per tornare al vecchio stile.

Durante la visualizzare delle foto, basta premere il tasto F5 sulla tastiera oppure il pulsante “aggiorna” sul browser.
Avvertenza: questo “trucchetto” vale però solo quando le foto si aprono dagli album e non dalla homepage.

Se si naviga con Firefox o con Chrome, si può installare lo script Facebook Photo Theater Killer che funziona con il plugin Greasemonkey su Firefox e con Tampermonkey su Chrome. In questo modo, eliminiamo permanentemente questo effetto.

Il lato oscuro della Apple: le confessioni di un dipendente

Un impiegato Apple ha deciso di parlare del suo lavoro e di metterne in mostra anche i difetti e ciò che lui odia di più. L’ articolo che vi propongo è stato scritto da Popular Mechanics, che ha raccolto le dichiarazioni di questo dipendente.

Lancio dei prodotti

Siamo completamente all’oscuro di ciò che Apple ha intenzione di vendere fino ai famosi keynote. Non abbiamo idea di ciò che sta per arrivare e non ci è concesso speculare su tali supposizioni e creare false aspettative. Se speculi su un qualsiasi rumor, soprattutto ad un acquirente, sei in guai seri. A me personalmente viene chiesto minimo 5 volte al giorno qualcosa riguardo ai futuri iPad e iPhone, e io non so assolutamente nulla. Ma sarebbe un enorme errore dire qualcosa del tipo “La prossima generazione di iPad avrà una fotocamera”. Tant’è che cerco di stare alla larga persino dal settore tecnologico dei giornali, in modo tale da non crearmi una visione personale grazie alla quale commentare un’affermazione o a causa della quale potrei iniziare una conversazione. Preferisco rimanermene nell’ignoranza.

Il giorno del grande keynote, tutti ci riuniamo nello store per vederlo. E’ molto semplice essere licenziati anche semplicemente dicendo di volerlo vedere da casa. Non accorderanno mai il fatto di vederlo da un posto che non sia lo store. Il tutto inizia con un grande pranzo che ci viene preparato e dopo vengono organizzati i turni. Durante il lancio di iPhone 4, ci hanno portato del cibo, del fantastico cibo! Qualcuno mi ha detto che nello store della Fifth Avenue, a New York, vi erano anche massaggiatori durante la presentazione e che in un’altro store era presente una piscina per bambini piena di pesci rossi, come se il tutto potesse ricreare un ambiente Zen. Ci tengono anche molto alla nostra idratazione e dunque siamo ben serviti anche da quel punto di vista e, se durante il giorno del lancio lavoriamo per molte ore, veniamo anche ricompensati con grossi bonus.

Cattivi clienti

E’ assurdo come alcuni clienti possano essere tanto maleducati. Ho visto alcuni di essi avere crolli completi e farsi cambiare il telefono che era vecchio di circa 2 anni. Altri piangere, gridare e imprecare. Funziona così. Le persone possono essere orribili. A volte mi sembra di lavorare da McDonald’s, solo con una paga migliore. Non sono mai stato trattato così prima.

Trattare con i trafficanti di droga

Ci sono un sacco di trafficanti di droga che cercano di acquistare iPhone con documenti fasulli. Puoi notarli subito da come si comportano in modo così losco, così strano, ma ovviamente non puoi iniziare ad accusarli di essere dei trafficanti di droga, loro sono clienti. Quando arriva il momento di completare l’acquisto, provano ad usare una carta di credito fasulla, accompagnata da un documento altrettanto fasullo, e spesso esce fuori che stanno usando il “Social Security number” di una persona morta o qualcosa del genere. E quando li richiami dell’accaduto, subito scappano via.

Missione: MobileMe

Non siamo pagati a vendita, ma, come chiunque altro, se non vendi abbastanza, inizi a temere per il tuo lavoro. Ci viene chiesto di vendere l’AppleCare ad ogni costo e, onestamente, ci riusciamo bene, perchè è un buon prodotto ad un buon prezzo, ma ci viene anche chiesto di vendere MobileMe, che invece risulta difficilissimo da vendere. Nessuno lo vuole mai.

Competizione di vendite

Ognuno ha la possibilità di vedere quanto ogni altra persona all’interno dello store sta portando all’azienda economicamente parlando. Se non stai facendo bene, inizierai ad avere dei meetings con i manager, i quali ti invitano a sederti e a riflettere sulle motivazioni per le quali non riesci a vendere di più.

Rivenditori cinesi

Quando fu lanciato l’iPad, sono arrivati centinaia di rivenditori dalla Cina che volevano pagare iPad tramite denaro liquido. All’inizio bisognava riservare il proprio iPad prima di poterlo prendere, dunque loro, informati della cosa, occupavano le postazioni dello store per prenotare anticipatamente il proprio iPad, tramite una mail creata ad hoc. Ricevavamo email da indirizzi molto strani, come ad esempio [email protected] e il bello è che cercavano anche di contrattare sul prezzo dell’iPad. Si tratta di Apple, non ci sono possibilità che qualcosa del genere accada!

Il credo di Apple

A volte l’azienda può sembrare un culto. Ad esempio, ci danno dei pamphlet e ci dicono: “Apple è la vostra anima, le nostre persone sono la nostra anima”, oppure “Il nostro obiettivo è garantire fantastica tecnologia”. E c’era questa sessione di training nella quale iniziarono a dirci come lavorare sulla nostra personalità, e separare la nostra personalità in 2 parti: una con una maggiore attenzione all’esterno e una all’interno. Era tutto così strano.

Sicurezza

Ci sono guardie di sicurezza ovunque. Ovviamente sono in borghese, in modo tale che il cliente non possa capire chi sono. Molte di loro sono poliziotti in pensione e vengono retribuiti molto bene.

Come essere licenziati

Hanno una politica di partecipazione clemente. Ci vogliono ben 15 ritardi prima che ti licenzino. Però, se parli alla stampa o speculi con un consumatore circa il prossimo modello di iPad, beh, per te è la fine.

I computer pubblici

Molti teenagers arrivano e usano Photo Booth e poi chiedono come caricare i loro scatti su Facebook. Molti senzatetto arrivano e fanno webcast dal vivo. Questo va bene. Poi ci sono dei senzatetto che arrivano e mettono death metal al massimo volume sulle casse Bose. I miei preferiti sono i teenager che riproducono Britney Spears ad alto volume e si mettono a ballare. Non in molti usano i computer per accedere a siti porno, ma molti cambiano la lingua nella loro. Per noi poi non è così semplice riportare la lingua originale, soprattutto se la dobbiamo cambiare dal Coreano o dal Russo.

Il centralino

Il peggio arriva quando dobbiamo lavorare al centralino. L’altro giorno, mi sembrava di lavorare per una hotline per suicidi. Le persone a volte chiamano e ti trattano come se tu fossi il loro terapista. Oppure ci sono donne che vogliono trovare delle informazioni sui computer, come se volessero provare ai loro mariti che le stanno tradendo. Solitamente trasferisco le chiamate all’AppleCare così non devo discutere con persone come queste.

iPhone sbloccati

Arrivano tantissime persone che ci chiedono di iPhone sbloccati che, ovviamente, noi non vendiamo. Usualmente gli diciamo che un iPhone, se sbloccato, non funziona. Che sbloccandolo sarà come aver speso 700$ per un ferma carte e che l’antenna frigge se connessa alla rete T-Mobile. Ovviamente tutto questo non è vero, ma è quello che noi diciamo loro. E se loro si presentano con un iPhone sbloccato, questo non verrà preso in considerazione al Genius Bar.

Lavorare lì ti rende assetato di potere

Quando sono qui, entro in una specie di cultura della competizione. Normalmente sono una persona che punta in basso, ma quando sono allo store, è sempre un vendi, vendi e vendi. Mi piace lavorare a modo mio e dunque essere promosso alla Genius Bar, che è il luogo a cui tutti aspirano. Insomma, Chi non vorrebbe essere un genio?

Mi viene da dire, dietro il colosso, cosa si nasconde?

Nessun progetto Apple per un iPhone Nano?

Il NYTimes afferma che sebbene Apple stia lavorando per realizzare un iPhone più economico e con migliori comandi vocali, l’azienda non ha invece in programma il lancio di un iPhone più piccolo.

Gli ingegneri Apple, secondo quanto riporta il famoso quotidiano Americano, stanno lavorando in questi giorni sul prossimo modello di iPhone, e a quanto si sa il nuovo dispositivo dovrebbe essere simile, in termini di dimensioni, all’attuale versione. Uno schermo più piccolo, infatti, avrebbe comportato per gli sviluppatori la necessità di riscrivere le proprie applicazioni, un problema che a Cupertino vogliono evitare. I dirigenti dell’azienda avrebbe anche stabilito di ridurre il prezzo del precedente modello quando il nuovo sarà disponibile. In questo modo, quindi, avremo un iPhone 4 che prenderà il posto e il prezzo dell’attuale 3GS.

Il NYTimes conferma inoltre le indiscrezioni già trapelate dal Wall Street Journal, secondo le quali Apple starebbe lavorando per rendere più semplice il suo sistema di comandi vocali per controllare il dispositivo. Inoltre si starebbe anche cercando di cambiare alcuni componenti interni, per ridurre il costo complessivo del prodotto e di conseguenza anche il prezzo finale.

Infine, anche i dettagli sulla prossima versione di MobileMe sembrano essere gli stessi. Un servizio gratuito che permetterà agli utenti di sincronizzare ed accedere a foto e file online.

Fonte: Macrumors